CENTO ANNI DAL BIENNIO ROSSO

Venerdì 19 aprile alle ore 20.30 al Centro Sociale “28 maggio” parliamo insieme ad ALESSANDRO SCATTOLO del Collettivo Gardesano Autonomo di come imparare dal passato per agire nel presente con;

“Cento Anni dal Biennio Rosso”

Un secolo fa l’Italia conosceva uno dei momenti più alti dello scontro di classe della sua storia. Moti popolari, agitazioni contadine, occupazione di fabbriche attraversarono gli anni 1919-1920. Un ciclo di lotta straordinario che ebbe una profonda influenza politica. Non a caso, proprio in relazione a questi eventi, si approfondì la crisi del Partito Socialista, ormai gravido della scissione comunista. A distanza di cento anni il Biennio Rosso rappresenta un patrimonio incredibile dal punto di vista storico, ancora oggi capace di dare insegnamenti fondamentali per l’agire politico.
Vi aspettiamo numerosi!   Continua a leggere...

DOSSIER DI CONTROINFORMAZIONE SUL VENEZUELA

E’ un copione ben collaudato in Yugoslavia, in Siria, in Libia … in Afghanistan, in Iraq, in Ucraina, in Costa d’Avorio …

L’elezione di Chávez in Venezuela nel 1998 determinò una nuova era della politica venezuelana, la cosiddetta “quinta Repubblica”: una nuova Costituzione, un nuovo nome (República Bolivariana de Venezuela), e nuove relazioni tra le classi sociali ed economiche del paese. Nel 1999 il popolo venezuelano ha approvato il referendum per la nuova Costituzione. Continua a leggere...

FESTA VINTAGE


SABATO 23 FEBBRAIO ore 21.30
FESTA VINTAGE
MUSICA ANNI ’60 ’70 ’80
alle ore 20.00 è possibile cenare insieme prenotando a:
MONICA 3283689637
RITA 3479742519
contributo 10 euro

SERATA RAP

SERATA RAP

2 FEBBRAIO ORE 20.00

inizio serata con l’Open Mic dei 3 vincitori del contest online

AXER

BOB

DELPO

OZI

KAMA

RITO

SOLIDARIETA’ AI COMPAGN* NO TAV

A Lonato, durante l’incontro di giovedì 17 gennaio 2018, organizzato in municipio sull’agricoltura per l’inizio della Fiera Regionale, i Compagni e le Compagne NOTAV hanno protestato per i danni e gli espropri del possibile passaggio dell’Alta Velocità Brescia-Verona. Dopo le tensioni di una normale dialettica politica, l’aggressione certificata da un video è stata fatta ai danni di chi denuncia come le grandi imprese e la destra al governo del territorio tacciano sulla presenza di 40 siti inquinati certificati nel Bresciano lungo il passaggio del Tav. Velocissima è stata la risposta del Sindaco di Lonato che ha emesso un Daspo comunale a carico di 13 attivisti NOTAV presenti all’incontro. Il provvedimento impone ai militanti di star lontano dal centro storico per 48 ore, il tempo di svolgimento della Fiera.
Potremmo trovare la questione quasi aneddotica se non fosse che con questo strumento si realizza a pieno il progetto di sterilizzazione di ogni opposizione sociale. L’orientamento ideologico, la protesta sacrosanta, la rivendicazione dei propri diritti ormai può costare un foglio di via. Questa punizione, dobbiamo ricordarlo, coglie il potere in flagranza di reato, contro tra gli altri, gli articoli 13 -16 -17- 25 della Costituzione repubblicana.
Già la Costituzione! Il loro progetto per ora è fallito, ma su di noi ricade la loro vendetta e dunque ecco il controllo del territorio per la “sicurezza” della città, del borgo, del paesello, del centro storico, che permette ai sindaci sceriffi di emettere ordinanze che non possono a rigor di diritto essere prese da una autorità politica, se non buttando a mare la separazione dei poteri dello stato. L’urgenza della situazione antidemocratica che ci tocca vivere impone una risposta collettiva! Massima solidarietà ai Compagni e alle Compagne NOTAV!!!

-le compagne ed i compagni del CS 28 maggio-

PROBLEMATICHE DI UNA LEGGE INFAME

Problematiche di una Legge Infame

Venerdì 25 gennaio alle ore 20,45
alCentroSociale28maggio,(Rovato BSvia Europa 54)

con l’avvocato Sergio Pezzucchi, legale del movimento,
affronteremo le gravi conseguenze di questa infame legge sulla sicurezza e immigrazione approvata dal governo lega stellato. Alla luce poi degli ultimi accadimenti, rivolta dei sindaci, verranno approfonditi i rapporti tra Stato, Regioni e Comuni per quanto riguarda questa legge firmata Salvini e la sua precedente Minniti-Orlando. Riteniamo che in questo particolare momento di deriva razzista e fascio-leghista, in un territorio con tante amministrazioni leghiste come il nostro, sia importante anche per le comunità immigrate comprendere quali le ricadute sulle popolazioni più deboli.
Vi invitiamo tutti a partecipare!

           

 

SOLIDARIETA’ AI COMPAGNI DI BERGAMO

UNA VERGOGNA!
Ancora intimidazioni di stampo fascista ai danni di chi non si arrende al clima di odio e al razzismo sdoganato anche dal governo penta-legato. Un manifesto, affisso sul muro d’ingresso della CGIL a Bergamo, mette alla gogna presunti sostenitori di Cesare Battisti e di non precisati “stupratori clandestini”. È l’ennesima dimostrazione di quanto in questo paese si stia pianificando un attacco alla democrazia mai visto dal 1945 ad oggi. Il nostro pensiero più affettuoso a tutte le compagne e i compagni presi di mira da questa vergognosa azione squadrista, in attesa che gli autori del vile gesto vengano esemplarmente condannati!

-le compagne ed i compagni del centro sociale 28maggio-

“ Il segreto è che siamo sognatori, siamo utopistici, ma non di quei sognatori che stanno sempre con il cuscino sotto la testa sulla veranda di casa, siamo sognatori con i piedi piantati per terra, siamo sognatori con gli occhi bene aperti, siamo sognatori che conoscono gli amici e conoscono i nemici”